12.00

Andammo avanti finché il bosco si diradò. La luna si era alzata in cielo e consentiva di vedere qualcosa. Eravamo in cima a una montagna e si vedeva che procedendo oltre, iniziava una discesa e il bosco diventava di nuovo più fitto. Era ormai quasi mezzanotte. 
— Signori, il nostro compito è finito; adesso dovete continuare da soli. Se guardate giù a destra, potete vedere delle luci. È il paese…

Expédié sous 48 heures

Description

“… Andammo avanti finché il bosco si diradò. La luna si era alzata in cielo e consentiva di vedere qualcosa. Eravamo in cima a una montagna e si vedeva che procedendo oltre, iniziava una discesa e il bosco diventava di nuovo più fitto. Era ormai quasi mezzanotte. 
— Signori, il nostro compito è finito; adesso dovete continuare da soli. Se guardate giù a destra, potete vedere delle luci. È il paese di Brissago, che è il primo luogo abitato della Svizzera… “
Un viaggio a ritroso nel tempo, due generazioni sono passate, e l’autore trova la forza di ritornare alla sua infanzia per raccontare ai bambini di oggi, con le emozioni e le parole di allora, la storia della sua famiglia negli anni bui che vedono le leggi razziali applicate anche in Italia. Il racconto della fuga in Svizzera, basato su documenti originali e su frammenti di memoria, parla di brevi soste e spostamenti improvvisi, di campagne e città sconosciute. Gioele, trascinato da eventi più grandi di lui, non capisce il perché delle fughe, dell’allontanamento dai genitori e dalla sorellina, di una vita che lo vede via via “ospite” di famiglie svizzere diverse, con abitudini e lingue a lui ignote.
Un testo intenso e emozionante che riesce a essere lieve nella voce narrante, riuscendo spesso a farci sorridere, pur nel pesantissimo contesto nel quale è inserito; brevi stacchi all’interno della narrazione ricordano al lettore le vicende storiche e familiari che il bambino non conosce (le leggi razziali, la guerra, l’armistizio, i parenti soppressi nei campi di sterminio) e dalle quali i genitori tenacemente lo difendono.
* 1º Premio “Il Castello Volante” 2008
* 1º “Premio Giuria Studentesca Concorso Nazionale di Letteratura per Ragazzi Mariele Ventre Sezione Narrativa 9 -11 anni” 2008
* Premio “Città di Penne” 2007

Editeur - Collection

Fatatrac

I nuovi ottagoni

Informations complémentaires

Poids 209 g
Langue 1 (fr, dans la langue éponyme, en anglais) :
Texte / Disposition des traductions :
Collection :
Date de parution :
Dernière réimpression :

Public :
Age :
Nombre de pages :

Dimensions (remarques) :

Description physique de l'éditeur :

Avis

Il n’y pas encore d’avis.

Soyez le premier à laisser votre avis sur “1940-1945 Gioele, fuga per tornare”

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Fermer le menu
×
×

Panier